Drag Racing 1/4 Mile times 0-60 Dyno Fast Cars Muscle Cars

A tribute to Gilles Villeneuve

Please view my last ever Gilles vid, here: http://uk.youtube.com/watch?v=W6PRRc9Iov GILLES VILLENEUVE 1950-1982 Villeneuve was a curious mixture of seemingly disparate personality types. Lauda wrote of him, "He was the craziest devil I ever came across in Formula 1... The fact that, for all this, he was a sensitive and lovable character rather than an out-and-out hell-raiser made him such a unique human being". Flying, snowmobiling or driving, he was a risk-taker of classic proportions. Yet his fellow drivers said that on the track he was scrupulously fair and did not put anyone's safety other than his own in jeopardy. An absolute nutter on the racetrack, but a family man off it.


 


More Videos...


japan GP killed two spectators
There was less celebration after the second race Gilles Villeneuve was involved in a crash that killed two spectators on the side of the track, leading to Formula One leaving the speedway.





Arnoux Villeneuve 1979
Quando la F1 appassionava davvero. Se un duello del genere fosse successo nel 2012 sarebbero stati squalificati a vita!!





Gilles Villeneuve Tribute
Gilles Villeneuve Tribute Joseph Gilles Henri Villeneuve Saint-Jean-sur-Richelieu 18 Gennaio 1950 ( Canada ) Lovanio 8 Maggio 1982 ( Belgio ) È l'8 maggio 1982, ore 13:52 a Zolder, mancano pochi minuti al termine delle qualifiche del sabato: Villeneuve è indietro, è sesto. È soprattutto dietro a "quello lì" come ora chiama Didier, che è terzo. Gilles, ormai in procinto di rientrare ai box su ordine del direttore tecnico Mauro Forghieri, affronta la chicane alle spalle dei box e successivamente la discesa che immette alla curva 'Terlamenbocht', la curva del bosco. È in quinta piena quando improvvisamente si trova davanti la più lenta March numero 17, guidata da Jochen Mass, il quale lo vede arrivare e si sposta subito a destra, pensando che il canadese lo superi a sinistra; Villeneuve, invece, nella stessa frazione di secondo pensa che Mass si sposti a sinistra, perché vuole affrontare la Terlamen all'interno, lungo la traiettoria più veloce, e anch'egli va quindi verso destra. La collisione è inevitabile: la Ferrari numero 27 urta, con la ruota anteriore sinistra, quella posteriore destra di Mass. La vettura decolla, fa alcune piroette in aria per poi schiantarsi violentemente contro un terrapieno a bordo pista, inpuntandosi nella terra molle con la tremenda energia cinetica di un'auto lanciata a 260 km/h che rilancia la vettura in aria, priva di gran parte dell'avantreno. Gilles fu proiettato, con le cinture di sicurezza divelte che si trascinavano dietro ancora il sedile della sua Ferrari, contro le reti di protezione; atterrò sulla spalla destra e con il corpo strappò la prima rete di protezione; successivamente, sbatté violentemente il collo su un paletto di sostegno della seconda rete metallica. Nell'urto il casco si strappò e rotolò vicino a lui. Immediatamente soccorso, apparve subito evidente che le sue condizioni erano gravissime: il pilota era cianotico e con il viso ed il collo edematosi. Gli fu effettuato il massaggio cardiaco e venne trasportato in elicottero alla clinica universitaria di Lovanio: un'equipe di medici rianimatori era già pronta per prestargli le prime cure, ma essi si trovarono di fronte ad un corpo inanimato che presentava solo deboli segni di attività vegetativa e si resero conto che non c'era più nulla da fare. Infatti, la diagnosi fu rapida e sconsolante: l'impatto con quel paletto, la tremenda decelerazione (calcolata in 27g) o, più probabilmente, la violentissima trazione esercitata sul collo dalle cinture di sicurezza nel momento in cui il sedile si era staccato dal telaio, avevano causato una lesione del tronco encefalico e la rottura (con conseguente distacco) delle vertebre cervicali con gravissime lesioni midollari. In poche parole, il cervello non mandava più impulsi al cuore che, insieme all'apparato respiratorio, svolgeva ancora le sue funzioni praticamente per inerzia. Gilles, ricoverato in terapia intensiva, fu dichiarato clinicamente morto alle 21:00 ora locale. I medici dichiararono che se anche, per assurdo, egli fosse sopravvissuto, sarebbe comunque rimasto paralizzato dal collo in giù ed in uno stato puramente vegetativo per quel che gli sarebbe restato da vivere. Ricevuta questa infausta prognosi, alle ore 21:12 la moglie Johanna diede l'autorizzazione a staccare la macchina cuore-polmone che lo teneva in vita. Il corpo di Gilles fu riportato in Canada il giorno successivo; dopo le esequie a Berthierville, la salma del pilota fu cremata. Da allora, Gilles Villeneuve è entrato nella storia e, pur non avendo mai vinto un titolo mondiale, la sua breve, ma intensa carriera ha fatto di lui un mito della Formula 1. « Se è vero che la vita di un essere umano è come un film, io ho avuto il privilegio di essere la comparsa, lo sceneggiatore, l'attore protagonista e il regista del mio modo di vivere. » (Gilles Villeneuve)





F1 - 1980 Imola GP - Gilles Villeneuve crash
The 1980 Italian Grand Prix was a Formula One motor race held on September 14, 1980 at the Imola Circuit in Italy. It was the twelfth race of the 1980 Formula One season. This was the only World Championship Italian Grand Prix that was not held at Monza, however Imola was used the following year to host the San Marino Grand Prix.





Which car is faster? Which Car is Faster?




Similar 1/4 mile timeslips to browse:

1997 McLaren F1 GTR: 9.031 @ 149.200
Steve Pearce, Engine: V12,


1997 McLaren F1 GTR: 10.200 @ 144.600
Dr. Nes, Engine: V12 NA High Comp,


1994 McLaren F1 : 11.110 @ 138.010
NA,


1995 McLaren F1 : 11.409 @ 138.943
rico, Engine: 6.0 BMW,


 


©2015 DragTimes - Disclaimer - Contact Us