Drag Racing 1/4 Mile times 0-60 Dyno Fast Cars Muscle Cars

Gilles Villeneuve - Il Piccolo Aviatore

http://www.nuvolari.tv/articolo/gilles-villeneuve-il-pi - Il profilo di Gilles Villeneuve, il piccolo aviatore di casa Ferrari Altri video su http://www.nuvolari.tv


 


More Videos...


Suzuki GSX-R 600 - Personalità nipponica
http://www.nuvolari.tv/articolo/suzuki-gsx-r-600-dipillo-bontempi-test - Il test della Suzuki GSX R 600 sul circuito del Mugello con Giovanni Di Pillo e Piergiorgio Bontempi





Scuola di Moto: posizione in sella - lezione 2
http://www.nuvolari.tv/articolo/posizione-sella-inpista - La posizione in sella. Paolo Casoli ci spiega come comportarsi in pista





Alfa Romeo Giulietta - Il test di Mauro Coppini
Mauro Coppini analizza la nuova Alfa Romeo Giulietta http://www.nuvolari.tv/articolo/alfa-giulietta-test-coppini Altri video su http://www.nuvolari.tv





Porsche Panamera - Quarto potere
http://www.nuvolari.tv/articolo/porsche-panamera - La Porsche Panamera, la berlina elegante e sportiva di casa Porsche





Intervista a Gilles Villeneuve dopo Imola 1982
Nel 1982, ad Imola, per una questione di regolamento legata al peso minimo della vettura, Lotus, Brabham, McLaren non parteciparono. C'erano invece Renault, Alfa Romeo, Osella, Toleman e Tyrrell. Per le veloci Ferrari, prive di reali avversarie, a parte le Renault precocemente uscite di scena per la rottura delle turbine, la gara si preannunciò come un'esibizione con arrivo in parata. Villeneuve e Pironi si danno gran battaglia in una sorta di gioco per divertire il pubblico. Ma al 50º giro quel gioco sembrò prendere la mano di Pironi, forse stanco di vivere all'ombra del collega amatissimo beniamino del pubblico ferrarista. Al 50º giro la Ferrari di Gilles era al primo posto. Gli accordi di scuderia prevedevano che chi era al comando ci restasse fino alla fine, ma il francese sfidò il compagno di squadra con manovre "con il coltello fra i denti" che rischiarono di compromettere la gara di entrambi. A due tornate dalla fine Gilles, deciso a non farsi scippare la vittoria, attaccò nuovamente il compagno con una staccata al limite alla curva Tosa. All'ultimo giro, ancora alla staccata della curva Tosa, Didier si riportò in testa e tagliò vittoriosamente il traguardo. Dopo l'arrivo scoppiarono subito le polemiche: sia i tifosi che i giornalisti erano increduli.





Gilles Villeneuve Tribute
Gilles Villeneuve Tribute Joseph Gilles Henri Villeneuve Saint-Jean-sur-Richelieu 18 Gennaio 1950 ( Canada ) Lovanio 8 Maggio 1982 ( Belgio ) È l'8 maggio 1982, ore 13:52 a Zolder, mancano pochi minuti al termine delle qualifiche del sabato: Villeneuve è indietro, è sesto. È soprattutto dietro a "quello lì" come ora chiama Didier, che è terzo. Gilles, ormai in procinto di rientrare ai box su ordine del direttore tecnico Mauro Forghieri, affronta la chicane alle spalle dei box e successivamente la discesa che immette alla curva 'Terlamenbocht', la curva del bosco. È in quinta piena quando improvvisamente si trova davanti la più lenta March numero 17, guidata da Jochen Mass, il quale lo vede arrivare e si sposta subito a destra, pensando che il canadese lo superi a sinistra; Villeneuve, invece, nella stessa frazione di secondo pensa che Mass si sposti a sinistra, perché vuole affrontare la Terlamen all'interno, lungo la traiettoria più veloce, e anch'egli va quindi verso destra. La collisione è inevitabile: la Ferrari numero 27 urta, con la ruota anteriore sinistra, quella posteriore destra di Mass. La vettura decolla, fa alcune piroette in aria per poi schiantarsi violentemente contro un terrapieno a bordo pista, inpuntandosi nella terra molle con la tremenda energia cinetica di un'auto lanciata a 260 km/h che rilancia la vettura in aria, priva di gran parte dell'avantreno. Gilles fu proiettato, con le cinture di sicurezza divelte che si trascinavano dietro ancora il sedile della sua Ferrari, contro le reti di protezione; atterrò sulla spalla destra e con il corpo strappò la prima rete di protezione; successivamente, sbatté violentemente il collo su un paletto di sostegno della seconda rete metallica. Nell'urto il casco si strappò e rotolò vicino a lui. Immediatamente soccorso, apparve subito evidente che le sue condizioni erano gravissime: il pilota era cianotico e con il viso ed il collo edematosi. Gli fu effettuato il massaggio cardiaco e venne trasportato in elicottero alla clinica universitaria di Lovanio: un'equipe di medici rianimatori era già pronta per prestargli le prime cure, ma essi si trovarono di fronte ad un corpo inanimato che presentava solo deboli segni di attività vegetativa e si resero conto che non c'era più nulla da fare. Infatti, la diagnosi fu rapida e sconsolante: l'impatto con quel paletto, la tremenda decelerazione (calcolata in 27g) o, più probabilmente, la violentissima trazione esercitata sul collo dalle cinture di sicurezza nel momento in cui il sedile si era staccato dal telaio, avevano causato una lesione del tronco encefalico e la rottura (con conseguente distacco) delle vertebre cervicali con gravissime lesioni midollari. In poche parole, il cervello non mandava più impulsi al cuore che, insieme all'apparato respiratorio, svolgeva ancora le sue funzioni praticamente per inerzia. Gilles, ricoverato in terapia intensiva, fu dichiarato clinicamente morto alle 21:00 ora locale. I medici dichiararono che se anche, per assurdo, egli fosse sopravvissuto, sarebbe comunque rimasto paralizzato dal collo in giù ed in uno stato puramente vegetativo per quel che gli sarebbe restato da vivere. Ricevuta questa infausta prognosi, alle ore 21:12 la moglie Johanna diede l'autorizzazione a staccare la macchina cuore-polmone che lo teneva in vita. Il corpo di Gilles fu riportato in Canada il giorno successivo; dopo le esequie a Berthierville, la salma del pilota fu cremata. Da allora, Gilles Villeneuve è entrato nella storia e, pur non avendo mai vinto un titolo mondiale, la sua breve, ma intensa carriera ha fatto di lui un mito della Formula 1. « Se è vero che la vita di un essere umano è come un film, io ho avuto il privilegio di essere la comparsa, lo sceneggiatore, l'attore protagonista e il regista del mio modo di vivere. » (Gilles Villeneuve)





Interviste rare di Gilles Villeneuve
Questo video mostra uno alcuni spezzettoni di interviste di Gilles Villeneuve del 79' e dell'80' quando Gilles era sulla pista a Fiorano,poi un intervista in un gran premio sulla 312 t5,un intervista a Maranello del 1981 e infine una conferenza stampa.Interviste molto rare che molti non hanno mai visto!!! BUONA VISIONE





Jacques Villeneuve guida la Ferrari 312 T4 di suo padre a Fiorano
Leggi l'articolo completo su Automoto.it: http://www.automoto.it/news/jacques-villeneuve-guida-la-312-t4-in-ricordo-d el-padre-gilles.html





Villeneuve Jarama 1981
L'ultima storica vittoria di Gilles ottenuta in Spagna guidando per oltre 50 giri con 4 piloti attaccati ai suoi scarichi per pochi decimi di secondo. L'ordine di arrivo finale: 1 Gilles Villeneuve (Ferrari 126 CK) 2 Jacques Laffite (Ligier JS17-Matra) a 0"220 3 John Watson (McLaren MP4-Ford) a 0"580 4 Carlos Reutemann (Williams FW07C-Ford) a 1"010 5 Elio De Angelis (Lotus 87-Ford) a 1"240 Grazie Gilles per averci fatto vivere momenti ed emozioni simili,ciao Piccolo Aviatore!





Gilles Villeneuve tribute
My tribute to Gilles Villeneuve.





Massa no carro de Gilles Villeneuve part 2
Massa in Gilles Villeneuve car - part 2





Enzo Ferrari Le frasi più belle.wmv





Gilles villeneuve vs Renè Arnoux best about 1979 F1
battles of villeneuve and arnoux





Ferrari 312 T5 de Gilles Villeneuve
Plus d'infos sur Auto123.com : http://123.ly/fm0Ukg





Jacques Villeneuve drive his father's car.
Jacques Villeneuve drove his father Gilles' 1979 Formula 1 Ferrari at Fiorano on Tuesday to commemorate the 30th anniversary of the elder Villeneuve's death.





Which car is faster? Which Car is Faster?




Similar 1/4 mile timeslips to browse:

1980 Ford LTD : 9.430 @ 148.000
chase orstad, Engine: 306, Turbos: bigthumper Tires: M/T cheaterslicks 13


1991 Dodge Spirit R/T: 11.680 @ 120.890
Wallace White, Engine: 2.2 DOHC, Turbos: Turbonetics T3T4 50 trim stage 2


1991 Dodge Spirit R/T: 11.680 @ 120.890
Wallace White, Engine: 2.2 DOHC, Turbos: T3/T4 50 trim


1991 Dodge Spirit R/T: 13.005 @ 103.720
Marc, Engine: Stock, Supercharger: None Turbos: Stock Tires: BFG Drag Radial 225-45-17


1991 Dodge Spirit R/T: 13.302 @ 108.640
JL, Engine: TIII 16-valve 2.2L, Supercharger: Why? Turbos: Turbonetics 50-trim T04E/T3 0.63AR Stage III Tires: BFG g-Force Sport 205/60/15


1991 Dodge Spirit R/T: 13.330 @ 103.710
Marc Ehrenberg, Engine: 2.2L DOHC 16V, Turbos: Garrett TB03 Tires: Dunlop SP5000 Street Tires


1985 Ford LTD LX: 13.795 @ 100.420
Scott Chamberlain, Engine: '94 5.0 HO EFI, Tires: Nitto DRs


1991 Dodge Spirit R/T: 14.060 @ 104.000
Mike Kelley, Engine: 2.2L, 16v, Turbos: 1 Garrett Tires: Sumitomo HTR 100s (cheap street radials)


1991 Dodge Spirit R/T: 14.097 @ 96.720
Me, Engine: 2.2L Turbo III 16V DOHC, Turbos: Garrett TB03 (stock) Tires: Dunlop SP 5000's with 13psi in front.


1989 Dodge Spirit ES Turbo: 14.224 @ 92.280
Bryan Green, Turbos: T03 Garrett


1991 Dodge Spirit RT T3 Garrett Turbo: 14.510 @ 98.940
Tony Arnold, Engine: 2.2L, Turbos: T3 Garrett


1991 Ford LTD Police Interceptor: 14.638 @ 0.000
Clint, Engine: 5.8L WINDSOR, Tires: 225/60R16 THROW AWAYS


1991 Dodge Spirit R/T: 14.810 @ 97.000
Tom OFlynn, Engine: 2.2 liter DOHC turbo intercooled,


1992 Ford LTD : 15.166 @ 92.660
Barry van Laatum, Engine: 302 Windsor EFI, Tires: 205/65R15


1986 Ford LTD CROWN VICTORIA: 15.380 @ 94.600
GREG, Engine: 5.0 HO EFI, Tires: COOPER COBRA


1995 Dodge Spirit : 16.179 @ 84.710
Josh, Engine: 3.0L V6 6G72, Tires: 225/50/15 Dunlop GT Qualifier


1977 Ford LTD II: 16.678 @ 80.900
Dustin, Engine: 351W V8, Supercharger: None Turbos: None


1985 Ford LTD LX: 16.740 @ 80.880
Jamie Turner, Engine: 5.0 EFI H.O.(LOL)-(143k miles), Tires: 215/55r16 Michelin


2001 Isuzu Rodeo sport: 17.400 @ 78.000
tony, Engine: 3.2 v6, Tires: kumho 275/45/20


 


©2015 DragTimes - Disclaimer - Contact Us